Prevenzione

Attività fisica: un toccasana per l’organismo

Un farmaco che mantiene giovani aiuta a perdere peso, a stare in forma e a tenere lontane le principali malattie, incrementare la performance di cuore e polmoni, allevia lo stress, attenua l’ansia e la depressione migliorando l’umore e il riposo notturno, corregge la postura, accresce la forza e l’elasticità del corpo, aumenta la resistenza e l’equilibrio e infonde energia.

(altro…)

Obesità viscerale

Uno dei principali fattori responsabili delle diverse manifestazioni associate alla sindrome metabolica è certamente l’obesità viscerale (addominale), una condizione caratterizzata da un eccessivo aumento del peso corporeo con accumulo di tessuto adiposo periviscerale (non in sede sottocutanea).

(altro…)

Sedentarietà nei bambini: non più di un’ora al giorno

I bambini non dovrebbero stare fermi per più di un’ora consecutiva e non dovrebbero essere impegnati in attività sedentarie per più di un’ora consecutiva.
Cosa significa inattività?
• Stare seduto su una sedia
• Stare sdraiato sul divano
• Al sicuro nel seggiolino della macchina o nel passeggino
Come evitare la sedentarietà?
• Quando fate un viaggio lungo in macchina fate delle pause strategi-che, durante le quali i bambini possano sgranchirsi le gambe
• Ogni tanto fate scendere i vostri bambini dal passeggino e fateli cam-minare per brevi tragitti
• In caso di brevi percorsi provate a farli a piedi, in bicicletta, in mono-pattino

Senza dimenticare che il riposo ha anche un significato positivo.
Una pausa fa bene per…
• Riportare la calma
• Insegnare ai bambini l’ascolto
• Recuperare le energie
Tuttavia, lunghi periodi di inattività sono innaturali per i bambini. Se avete bisogno di rallentare il ritmo, provate ad inserire nella vostra giornata anche delle attività per vostro figlio che ve lo permettano.
Quando fare una pausa?
Dopo aver giocato fuori: La sequenza ideale potrebbe essere: bicchiere d’acqua, merenda e una storia.
Dopo pranzo: La sequenza ideale potrebbe essere: riposino o attività tranquilla.
Dopo cena: La sequenza ideale potrebbe essere: lavarsi i denti, una storia e a dormire.

(altro…)

Azotemia

L’azotemia è la quantità presente nel sangue di azoto non proteico (derivante cioè da aminoacidi, acido urico, creatina, creatinina, da peptidi e da altre sostanze azotate).

Il dosaggio dell’urea nel sangue è usato per misurare la frazione azotata dell’urea, il prodotto terminale più importante del metabolismo delle proteine. L’azoto rappresenta il prodotto di scarto del metabolismo delle proteine ingerite con gli alimenti. Potenzialmente tossico, è incorporato a livello epatico nell’urea, a sua volta eliminata con le urine.

(altro…)

Pappa reale, un alleato naturale per la nostra salute

La pappa reale è una sostanza prodotta dalle api operaie per nutrire la larva che diventerà regina.

Prodotta dalle famiglie di Apis mellifera, la pappa reale è una sostanza proteica color giallo contraddistinta da un sapore lievemente zuccherino, con una nota acidula.

(altro…)

Tumore colon-retto: ecco le abitudini quotidiane per prevenirlo

Il tumore colon-retto è al secondo posto come tumore che più frequentemente causa la morte.

Per abbassare il rischio di contrarre questo tumore si può fare molto. Si stima infatti che più della metà dei tumori al colon-retto siano dovuti ad uno stile di vita scorretto. Modificando, quindi, abitudini e alimentazione il rischio si può ridurre significativamente.

Cereali integrali, latticini e fibra

L’alimentazione è uno dei fattori più importanti per diminuire, o viceversa aumentare, il rischio di incorrere in un tumore colon-retto. Alcuni cibi hanno dimostrato di avere un effetto preventivo: il rischio di tumore colon-retto diminuisce quanto maggiore è il consumo di cereali integrali, fibra, latticini e calcio.

Prove della stessa forza sono quelle esistenti per l’aumento di rischio legato a un consumo basso di frutta e verdura.

(altro…)