Bevande zuccherate: attenzione all’aumento di rischio di fibrillazione atriale

Bere, in una settimana, due litri o più di bevande zuccherate, anche con dolcificanti artificiali, espone a un maggior rischio di fibrillazione atriale. È quanto emerge da uno studio che, di contro, ha rilevato come bere circa un litro a settimana di succo puro e non zuccherato di arancia o di verdure si associ a una riduzione del rischio di fibrillazione.

(altro…)

Disturbi alimentari: sette casi su dieci riguardano gli adolescenti

Una persona su 5 nel mondo e una su 3 in Italia soffre di Disturbi dell’Alimentazione e della Nutrizione (DAN).  Non si tratta semplicemente di abitudini scorrette legate al cibo, ma di disturbi di natura psichiatrica con un’alta frequenza di complicanze mediche, che possono portare anche alla morte. Per questo richiedono un trattamento specifico e la collaborazione tra diverse figure professionali, che si occupino in modo integrato di questi diversi aspetti, psicologico-psichiatrici, nutrizionali e medico-internistici.

(altro…)

Il miele, un alimento nutraceutico

Non può essere considerato come cibo ma si potrebbe definirlo “alimento-farmaco” poiché ha molteplici proprietà benefiche conosciute fin dall’antichità.

(altro…)

Ergotioneina: un antiossidante naturale

Gli antiossidanti sono sostanze in grado di combattere lo stress ossidativo, una delle cause principali dell’invecchiamento cellulare. Per le sue proprietà antiossidanti spesso si è focalizzato l’attenzione sull’ergotioneina (ET), un potente antiossidante di origine naturale presente in diversi cibi, soprattutto nei funghi.

I mammiferi non sono in grado di sintetizzare l’ET e la acquisiscono prevalentemente con la dieta. L’ET si trova in molti alimenti, compresi i prodotti fermentati e gli asparagi. In realtà glia sparagi non sono in grado di sintetizzare l’ET, ma quando le radici vengono a contatto con alcuni funghi e probabilmente anche con alcuni batteri presenti nel terreno, si arricchiscono di questa sostanza. Tra gli alimenti che contengono l’ET vi sono, anche, vi sono il fegato di pollo, alcune varietà di fagioli neri e rossi, nonché il tempeh.

Gli effetti benefici per la salute

L’ET potrebbe essere coinvolta in diversi meccanismi, come quelli legati all’invecchiamento, per esempio nelle malattie neurodegenerative e cardiovascolari, oltre che nel proteggere dalla neurotossicità di alcune terapie.

L’ET potrebbe risultare utile per ridurre i danni causati dalle specie reattive dell’ossigeno e dell’azoto in queste malattie. L’ET assunta attraverso al dieta viene distribuita in modo efficiente al cervello attraverso il suo trasportatore specifico. Nel cervello, il trasportatore ETTè funzionalmente presente nei neuroni, ma non negli astrociti. Alcuni studi hanno riscontrato che l’Et protegge dalla neurotossicità.

Per quanto riguarda il morbo di Parkinson studi hanno rivelato un calo significativo dei livelli di ET, suggerendo una minore capacitò di “difesa antiossidante”. Inoltre, la diminuzione dei livelli di ET è stata osservata anche nelle demenze e in soggetti con ridotte abilità cognitive. In effetti, è stato riscontrato che i livelli di ET nel sangue diminuiscono significativamente altre i 60 anni. le concentrazioni sieriche di ET hanno dimostrato un’interessante correlazione inversa con l’età.

Lo stress ossidativo è anche responsabile di alterazioni a livello endoteliale con conseguente possibile insorgenza di malattie cardiovascolari. E’ stato evidenziato che l’ET è in grado di essere captato dalle cellule endoteliali e di ridurre i marcatori correlati al danno ossidativo. L’ET inoltre previene anche il legame dei monociti alle cellule endoteliali, un evento che concorre alla formazione delle placche aterosclerotiche.

Le aspettative future

Numerose evidenze sperimentali suggeriscono che l’ET possa essere considerata una “vitamina della longevità” e che bassi livelli di ET, principalmente dovuti ad una scarsa assunzione con la dieta, potrebbero portare a un aumento dell’incidenza di malattie croniche dell’invecchiamento e a una riduzione dell’aspettativa di vita. Purtroppo, fatta eccezione per i funghi, le conoscenze sulle quantità di ET negli alimenti sono molto limitate e suggeriscono la necessità di ulteriori studi a questo scopo.

Alcuni integratori alimentari contenenti quantità significative di ET sono stati anche lanciati sul mercato e altri ne arriveranno in futuro. Alcuni sono a base di polveri o estratti di funghi, altri sono prodotti ottenuti attraverso fermentazioni fungine.

La necessità di indagare ulteriormente come integrare ET nella dieta è supportata anche dalle crescenti evidenze epidemiologiche che hanno dimostrato che un maggiore consumo di funghi sembra determinare una riduzione dell’incidenza di alcune malattie croniche dell’invecchiamento. Ciò indica anche la necessità di studi ad hoc per determinare la quantità ideale di ET che dovrebbe essere presente nella dieta per ottenere i massimi benefici per la salute.

Effetti dello stress sul comportamento alimentare

Nella nostra società, lo stress psicosociale affligge la maggior parte degli individui. La risposta da stress è un fenomeno altamente adattativo che permette all’organismo di mobilizzare le risorse per affrontare un pericolo, sia esso reale o immaginario. Viene rapidamente attivato il sistema simpatico, i cui effetti sono amplificati dall’adrenalina circolante prodotta dalla midollare del surrene. Contemporaneamente si attiva anche l’asse ipotalamo-ipofisi-surrene (HPA), con liberazione del cortisolo da parte della midollare del surrene. Il cortisolo sostiene a lungo termine il metabolismo per far fronte all’emergenza.

(altro…)

Ciambella senza burro

Difficoltà: Facile          Preparazione: 20 min          Cottura: 50 min        Dosi per: 8 persone          Costo: Basso

(altro…)

Alimentazione durante la gravidanza e l’allattamento

Presentazione
Introduzione alla corretta alimentazione durante la gravidanza
Energia e nutrienti durante la gravidanza
Condizioni che espongono a rischio di carenza
Pericoli di intossicazione durante la ravidanza
Introduzine all’alimentazione durante l’allattamento
La produzione di latte e i primi giorni di allattamento
La corretta alimentazione durante l’allattamento