roberta graziano

Frutta di stagione: la pesca

Il frutto del pesco è una drupa carnosa più o meno globosa. La buccia, che può essere aderente alla polpa o staccarsi con facilità, è ricoperta da una fitta lanuggine o glabra. La polpa può essere gialla o bianca; aderisce al nocciolo o si separa con facilità, secondo le varietà, ed è succosa e acidulo-zuccherine.

(altro…)

Sole e solari

A causa delle forti modificazioni atmosferiche sta diventando sempre più rischio esporre la pelle al sole. Negli ultimi anni sono in costante aumento le patologie correlate ai raggi ultravioletti, oltre ai vari fenomeni legati all’invecchiamento precoce (rapida comparsa di rughe più numerose e profonde e macchie scure).

Il consiglio di proteggere il più possibile la pelle con i prodotti migliori. E’ bene scegliere i solari meno “cosmetici” in favore di altri più dermatologici. Sono da utilizzare le protezioni alte per i primi 3-4 giorni, passando a fattori medi in caso di carnagione chiara, bassi se la pelle è scura.

La protezione andrebbe sempre applicata perché limita i danni dei fenomeni ossidativi oltre a consentire alla pelle di rimanere idratata ed esteticamente più bella e sana con una colorazione dorata più duratura.

Nel campo della cosmesi faidate per il sole è più importante una dose di attenzione che di creatività. Infatti, il contatto della pelle con diversi vegetali prima dell’esposizione è frequente causa i fito-foto-dermatiti con sensibilizzazione cutanea e formazione di eritema che si trasforma in macchia scura. il latice e la foglia di fico sono pericolosissimi esempi, ma anche l’oleolito d’iperico e quasi tutti gli oli essenziali.

Alcune ricette faidate possono tuttavia risultare utili ed efficaci.

Il prezioso oleolito di carota si può trasformare in un utilissimo integratore alimentare per preparare la pelle al sole. Se ne assume un cucchiaino tutte le mattine durante la colazione. Il beta-carotene e i tocoferoli dell’olio d’oliva rinforzano i tessuti nei confronti dei processi degenerativi.

Maschera pre-sole Fai Da Te

Indicazioni: antiossidante, protettiva

Ingredienti:

  • 1/2 cucchiaino di succo di aloe
  • 1 perla gelatinosa di vitamina E
  • 1 perla gelatinosa di olio di borragine
  • 1/2 cucchiaino di spirulina

Preparazione e modo d’uso:

Frullare la polpa di metà avocado maturo, privato della buccia, fino a ottenere una purea omogenea. Aggiungere il succo di aloe, la vitamina E, l’olio di borragine e la polvere di alga mescolando. Applicare e lasciare in posa almeno 20 minuti qualche ora prima di esporre la pelle ai raggi ultravioletti (sole o lampada abbronzante).

Caratteristiche:

E’ una maschera ideata per preparare la pelle all’azione ossidante del sole, al fine di renderla più “forte” e ridurre i danni. L’avocado contiene preziose sostanze con una spiccata attività antiossidante: gli steroli , la vitamina C, che protegge la parte acquosa dei tessuti, la vitamina E e il beta-carotene, che difende i grassi. L’alga spirulina è ricca di carotenoidi protettivi e antiossidanti.

Recenti studi hanno dimostrato che l’impiego cutaneo di aloe, 24 ore prima dell’esposizione ai raggi solari, riduce efficacemente i danni di tipo ossidativo e previene l’eritema. L’aloe agisce stimolando le difese immunitarie.

Sostanze antiageing antiossidanti

L’invecchiamento cutaneo è causato da molteplici e complesse cause in cui avvengono modificazioni istiofisiologiche sia a carico dell’epidermide che del derma e degli annessi cutanei.

(altro…)

Cellulite: cause e rimedi

La panniculopatia edemato-fibrosclerotica, comunemente definita “cellulite” è un processo dismetabolico che interessa il tessuto adiposo e secondariamente il derma, associato ad alterazioni istologiche dell’ipoderma e dei suoi rapporti vasculo-tessutali.

(altro…)

L’aglio nel trattamento dell’ipertensione arteriosa

Introduzione

Per ipertensione si intende una condizione clinica in cui la pressione sanguigna arteriosa è più alta del normale. È una condizione che interessa circa il 30% della popolazione adulta di entrambi i sessi e, nelle donne, è più frequente dopo la menopausa. I valori di riferimento fisiologici per la pressione sistolica sono 90-120 mmHg e di 60-80 mmHg per la pressione diastolica. Diverse sono le condizioni predisponenti un aumento di tali valori, tra cui si annoverano il tipo di alimentazione, lo stile di vita, l’attività motoria, il fumo e fattori genetici.

(altro…)

Percorsi di aiuto personalizzati

“Questa dieta non va bene per me!”, “Non ho proprio tempo di fare un po’ di sport”, “Non posso fare una dieta perché non riesco ad organizzarmi”… Quante volte abbiamo pensato una di queste frasi, quante volte l’impossibilità a raggiungere un obiettivo lo abbiamo attribuito a qualcosa di esterno alla nostra volontà.

Spesso, però, l’impossibilità di fare o ottenere qualcosa è dentro di noi; spesso siamo noi stessi che ci opponiamo, inconsapevolmente, al nostro cambiamento.il più delle volte il fallimento dei nostri obiettivi è dentro di noi e dobbiamo solo imparare a superare i nostri ostacoli interiori per raggiungere il nostro benessere.

Per questo a partire dal mese di giugno è possibile usufruire presso il mio studio di un percorso personalizzato di aiuto mirato proprio a capire e superare le difficoltà che impediscono di raggiungere tutti gli obiettivi prefissati.

Chiamami subito per avere informazioni.

Vino e malattie cardiovascolari

Diversi studi epidemiologici hanno evidenziato come in Francia, nonostante un forte consumo di alimenti ricchi in grassi, soprattutto saturi, la bassa mortalità per malattie cardiovascolari è minore di quella riscontrata in altri Paesi con un consumo di grassi saturi sovrapponibile (“paradosso francese”).

(altro…)

Gravidanza e veganismo

Le diete prive di carne e di derivati animali, soprattutto nella fase di crescita o in gravidanza, se non applicate correttamente, possono essere associate al rischio di carenze nutrizionali.

(altro…)